Il Macellum e gli altri mercati - Archeorome

Ostia Antica Porto di Roma
Vai ai contenuti
Il  Macellum  e  i  Mercati
Il macellum di una città romana era un mercato di lusso dove si vendeva carne e pesce, anche pregiato, oltre alla verdura e alla frutta.
Ad Ostia Antica, le epigrafi menzionano un macellum esistente già nel I s. av.C., ma la sua ubicazione non è stata finora accertata. Quello che si può vedere ora è il macellum costruito nel II s. d.C., all'epoca degli Antonini, in   un punto strategico e molto frequentato della città: al crocevia fra il decumano massimo e la via delle Foce, subito fuori la cinta muraria del IV s. av.C. L'ingresso è inquadrato da due grandi colonne di marmo e fiancheggiato da due tabernae di pescivendoli. Sono conservate le vasconi per il pesce, i tavoli e le mensole di marmo per la lor preparazione ed i mosaici pavimentali. Sul mosaico della taberna di sinistra figura un delfino che sta mangiando un polpo, attorniato dalla scritta:"Inbide calco te", ossia "Invidioso ti calpesto"!
Un lungo corridoio porta verso un grande cortile interno con una fontana al centro ed un portico sul quale si affacciano le   botteghe. Il lato destro è occupato da un alto podio per le vendite all'asta, sotto al quale, in ambienti coperti da volte si trovano vasconi probabilmente utilizzati per conservare il pesce vivo.
Esistono anche semplici mercati costituiti di botteghe intorno ad un cortile, come il caseggiato del Larario vicino al foro e le numerosissime tabernae al pianoterra degli edifici per la vendita al minuto.
La vostra guida          Tariffe          Orari          Links
Torna ai contenuti