I Panifici - Archeorome

Ostia Antica Porto di Roma
Vai ai contenuti
I  Panifici
Esistono   due panifici-molini ad Ostia Antica. Tutti e due si trovano lungo lo stesso asse viario: quello che collega la Porta Laurentina, a sud della città, e le banchine del Tevere.
Il più visitato è quello che affaccia sulla Via dei Molini, che da esso prende il nome. Si trova di fronte al più grande magazzino da grano della città, non lontano dall'antico corso del fiume. Sei taberne si affacciano sulla strada, forse per la vendita al dettaglio. Dietro ad esse, si trova un largo ambiente rettangolare con le macine da grano, in pietra lavica proveniente da Orvieto, che erano fatte girare da muli con gli occhi bendati. Affianco, un ambiente più piccolo è occupato da recipienti, sempre in lava, dove impastare la farina. Sul retro del panificio, passa una stradina stretta, chiusa nel III s. da un sacello dedicato al dio Silvano, dove si attingeva l'acqua da due abbeveratoi. Da lì si accede al forno di grandi dimensioni.
Il   secondo panificio è più grande ancora e si trova lungo la Semita dei Cippi, la strada che collega la Porta Laurentina al decumano dove si collega alla via dei Molini. In un grande cortile, si trovano le macine da grano e le impastatrici, in mezzo a pilastri che indicano una copertura. A sinistra, la vasca per l'acqua e nell'angolo   sul fondo, il grande forno.
Il pane era prodotto per la città, ma data l'importanza e la posizione dei due panifici lungo l'asse viario che portava al porto, dovevano servire anche all'approvvigionamento delle navi che salpavano da Ostia.
La vostra guida          Tariffe          Orari          Links
Torna ai contenuti